LE ORIGINI

Nel 1770 l’abate Gianbattista Guatteri, titolare della cattedra di botanica, fonda l’Orto Botanico e ne diviene il primo direttore. Nel 1793 il progetto dell’Orto Botanico viene portato a termine con la costruzione delle serre affidata all’architetto E. A. Petitot.  Nel 1816 la direzione dell’Orto viene assunta da Giorgio Jan, del quale rimangono i preziosi erbari fanerogamici portatili.

Nel 1845 gli succede Giovanni Passerini, cui si deve un notevole impulso verso la modernizzazione della ricerca e della didattica; Passerini, tra l’altro, introduce l’uso del microscopio ottico per l’osservazione diretta dei preparati vegetali durante i laboratori didattici di botanica. I suoi studi sulle crittogame fitoparassite lo elevano a fama internazionale e sono tuttora attuali.